riflessologia-plantare

Riflessologia plantare: cos’è e da dove nasce

Quando senti l’energia venir meno dal tuo corpo e lo stress riempie tutte le tue giornate non puoi che concederti un massaggio rilassante. La riflessologia plantare è un tipo di massaggio molto particolare che serve per distribuire uniformemente l’energia all’interno del corpo. Chiaramente siamo di fronte ad un vera e propria linea di pensiero, quasi ad una filosofia che ha origine orientale come quella che regola il massaggio ayurvedico. Le origini della riflessologia plantare, infatti, non sono affatto recenti. Vediamo quindi cos’è la riflessologia plantare in modo da capire meglio anche come avviene una seduta di questo particolare massaggio che avviene esclusivamente ai piedi. I benefici della riflessologia plantare sono tanti e molti sono i disturbi che grazie a questo tipo di massaggio si possono curare.

Origini della riflessologia plantare

La riflessologia plantare consiste nella stimolazione di alcune parti della pianta del piede al fine di incanalare l’energia all’interno del corpo. La credenza che massaggiando queste parti del corpo possa apportare benefici fisici e psichici non è certo cosa moderna. Sicuramente le origini di questa tecnica è antica e nasce nel mondo orientale, sebbene si parli di questo tipo di massaggio come pratica utilizzata anche dagli indigeni americani.

In particolare in Cina si sviluppano molte tecniche di massaggio basate sulla credenza che esistano delle parti del corpo che, stimolati, permettono il ricircolo dell’energia e che sono chiamati meridiani energetici. La riflessologia plantare è applicazione di questa credenza.

Grazie a molte personalità, siamo oggi a  conoscenza di alcune mappe che vanno a spiegare nel dettaglio quali sono le zone da stimolare e a quale parte del corpo inviano benefici ed energie. Uno tra tutti è William Fitzgerald , medico statunitense, che insieme con un altro medico e amico F. Bower pubblica “Zone therapy, or relieving pain at home”. Il testo è un messa a punto di tutte le zone del corpo da stimolare per il trattamento di dolori in alcune parti del corpo. Siamo qui agli inzi del Novecento e possiamo dire che questo fu l’input primario che generò numerosi altri studi.

Nascono alcuni anni dopo, grazie anche ad allievi e seguaci di Fitzgerald, delle vere e proprie mappature della pianta del piede che hanno come base la divisione in 10 zone fatta dal maestro.

Cos’è la riflessologia plantare

Come già detto la riflessologia plantare è un massaggio effettuato esclusivamente alla pianta del piede. Non può essere eseguito da chiunque, in quanto è capibile come sia importante che alcune zone vengano stimolate da chi ne conosce i principi. La seduta di riflessologia plantare è considerata da molti una vera e propria terapia ricostituente e curativa perché, secondo la mappatura della pianta del piede, ogni zona va ad agire su di uno specifico punto del corpo.

Le sedute di riflessologia plantare fanno parte di un ciclo e il costo medio si aggira sui 30-50 euro a seduta. Ogni ciclo ne contiene 10 o 12 e durante queste sedute il terapista va prima ad individuare le parti del corpo dolenti da trattare e poi si prosegue con il massaggio delle zone della pianta del piede coinvolte. Alcune parti del corpo da trattare come i reni, le ovaie, i testicoli, il nervo sciatico, polmoni, tiroide, orecchie , occhi hanno punti di stimolazione su entrambi i piedi. Altre parti del corpo si curano esclusivamente con stimolazioni su zone presenti o sulla pianta destra o sulla pianta sinistra.

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.