massaggio californiano

Massaggio californiano: cos’è, a chi è adatto e come si esegue

Quando le giornate caricano il corpo e la mente di stress, non c’è niente di meglio che concedersi un massaggio rilassante antistress. Ovviamente bisogna capire quale tipo di massaggio fa realmente al caso nostro. Allentare le tensioni e rilassare il corpo attraverso il massaggio è una pratica antichissima e un po’ tutti noi dovremmo concederci una pausa da tutte le attività che svolgiamo durante la giornata per poter ricaricarci.

Le tipologie di massaggio sono davvero tante e partono tutti da studi antichissimi. Il massaggio aromaterapico, per esempio, nasce da antichissime pratiche orientali e si sviluppa ancora oggigiorno grazie alla diffusione delle essenze naturali. Il massaggio californiano rappresenta, invece, una vera e propria evoluzione perché nasce come complemento alle sedute di psicoterapia. Nasce negli anni 70 in California come massaggio anche di gruppo, per stimolare i sensi, aprire la mente, scavare nella memoria, evocare momenti piacevoli e permettere di procedere positivamente con la psicoterapia. Proprio per questo motivo spesso si chiama massaggio psicosomatico o massaggio sensitivo.

Come si esegue un massaggio californiano

Il massaggio californiano può durare una o due ore e si esegue con il corpo nudo o indossato gli indumenti intimi. È rivolto a coloro che hanno bisogno di stimolare la mente e far uscire i sentimenti di modo che si trovi uno stretto equilibrio tra mente e corpo. I benefici che il massaggio apporta alle zone del corpo massaggiate, si traducono in benessere a 360° per la persona.

Una seduta di un massaggio californiano costa circa 120-150 euro e molto dipende anche dalla durata del massaggio e della presenza di altri trattamenti inclusi in eventuali pacchetti. Una seduta comprende un massaggio totale al corpo che serve per stimolare tutta la sfera sensoriale.

Prima di presentarsi alla seduta occorre rilassare i muscoli attraverso un bagno o una doccia calda abbastanza duratura e soprattutto non usare bagnoschiuma o creme o olii. Il massaggio, come detto, si esegue a corpo nudo o con gli indumenti intimi. Il massaggiatore copre la parte che non massaggia con un telo tiepido che aiuterà prima di tutto a sentirsi a proprio agio e poi a creare una sensazione di tepore e di rilassamento muscolare.

Le fasi del massaggio californiano

Durante la prima fase del massaggio, il massaggiatore massaggia delicatamente le varie zone del corpo applicando degli olii essenziali che nutrono la pelle e rilassano corpo e mente. Quando il cliente sarà rilassato, allora si procederà con la seconda fase. Questa fase consiste di movimenti più forti  che coinvolgono muscoli e nervi. Si passa dallo sfregamento alla tecnica di impasto fino al movimento becco d’anatra. Tutte queste tecniche permettono un totale rilassamento del corpo.

Cosa si può curare con il massaggio californiano

Come già detto, il massaggio californiano si affianca alla psicoterapia con lo scopo di aiutare persone che hanno bisogno di trovare un equilibrio mentale. Oltre a rendere la pelle più bella e ad equilibrare la circolazione sanguigna, questo tipo di massaggio è indicato anche per il trattamento di alcuni patologie quali per esempio la depressione, l’anoressia, la bulimia e l’insonnia. Attraverso la stimolazione sensoriale, si apre proprio un varco all’interno della mente in modo che l’equilibrio e il benessere possano essere la soluzione anche a questi tipi di disturbi psichici.

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.