massaggio aromaterapico

Massaggio aromaterapico: origine, tecniche e benefici

Il massaggio aromaterapico non è altro che l’applicazione pratica dell’aromaterapia, un metodo curativo che ha alla base l’uso di olii essenziali che permettono la stimolazione sensoriale di ciascun individuo. Gli olii essenziali vengono ricavati direttamente da piante e fiori esistenti in natura e, grazie all’applicazione tramite le varie tecniche del massaggio aromaterapico,  è possibile beneficiare di tutte le loro proprietà. I benefici degli olii essenziali si differenziano in base alla loro tipologia e sono davvero molteplici.

L’origine del massaggio aromaterapico è antichissima e sicuramente legata all’origine della pratica dell’aromaterapia stessa. Le tecniche del massaggio aromaterapico si caratterizzano in base alle zone del corpo che vengono trattate durante la seduta. La grande diffusione delle cure che avvengono grazie all’aromaterapia, ha reso fondamentale l’uso di sostanze dal profumo naturale che durante molti tipi di trattamenti come il massaggio ayurvedico. Un massaggio rilassante antistress è spesso anche un massaggio aromaterapico, ad esempio. Quindi, servirsi delle proprietà delle essenze naturali è fondamentale per questi tipi di massaggi che vogliono curare non solo il corpo, ma anche la mente.

Origine del massaggio aromaterapico

Il massaggio aromaterapico nasce proprio quando nasce l’aromaterapia perché sono strettamente collegate. Già nell’antichità si sfruttavano le proprietà benefiche delle piante per curare malattie e disturbi di ogni tipo, così come venivano utilizzati per detergere il corpo e massaggiarlo. In India nell’antichità esistevano proprio delle figure particolari, detti Rishi, che erano considerati gli esperti di tutte le erbe e piante curative e che preparavano olii, unghienti e medicinali di ogni tipo.

Anche nell’antico Egitto si utilizzavano olii profumati e curativi di ogni tipo. Additittura in una fonte risalente al 2800 a.C si parla di olii profumati e curativi. Così fino ai giorni nostri in cui ancora si utilizzano questi profumi ed essenze naturali per massaggiare il corpo.

L’uso di questi olii essenziali stimola l’olfatto e con esso tutti i sensi fino ad arrivare al completo rilassamento del corpo e della mente. Il termine “aromaterapia” viene poi introdotto nell’uso comune a partire dal 1937, grazie a  Rene- Maurice Gattefossé che lo coniò nel suo testo “Aromaterapia di Gattefossé”. Egli pubblicò tutte le sue scoperte e le sue considerazioni nati dopo anni di studio delle effettive proprietà benefiche delle erbe mostrando proprio i risultati clinici che aveva ottenuto con i suoi trattamenti. Gli olii essenziali sono fondamentali perché, essendo essenze volatili, vengono subito inalati e il profumo stimola il cervello. Inoltre se applicati sulla pelle raggiungono subito le zone sottocutanee e il sangue.

Tecniche del massaggio aromaterapico

Il massaggio aromaterapico avviene utilizzando gli olii scelti e anche le tecniche più adatte a rilassare il corpo. Gli olii che vengono comunemente utilizzati per l’aromaterapia sono una quarantina circa che vengono miscelati con olio di mandorle dolci oppure di nocciolo o  di albicocca o di vinaccioli.

L’olio viene tenuto al caldo perché non sia freddo quando viene a contatto con la pelle. Anche la stanza in cui viene fatto il massaggio dev’essere calda accogliente, con luce non troppo forte e magari qualche sottofondo musicale. Gli olii essenziali vengono distribuiti attraverso le varie tecniche di massaggio. Le principali tecniche per permettere il corretto assorbimento degli olii sono lo sfioramento che consiste in un delicato massaggio per far assorbire l’olio o anche per pizzicamento che si esegue proprio pizzicando delicatamente la pelle, o anche per impastamento, una tecnica che si esegue facendo pressione e contropressione sul muscolo come quando si impasta a mano. Un massaggio aromaterapico può costare dai 60 agli 80 euro più o meno.

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.