Spiagge in città: le mete più glam del momento

Se per le vacanze pensate di visitare una città d’arte, non dimenticate comunque di mettere in valigia il costume, non si sa mai. Oggi infatti, la moda del momento è la spiaggia in luoghi insoliti. Le location solitamente scelte sono in parchi, piazze, rive di fiumi, che sono state “allestite”in vere e proprie spiagge con tanto di sabbia, ombrelloni, lettini e beach bar.Eccone alcune scelte per voi.

A Milano al Parco di via Pallavicino, ex scalo ferroviario Sempione come ogni estate torna il sapore di mare. Quest’anno il nome della spiaggia è A piedi nudi nel parco e prevede un’area solarium con le sdraio, una zona per i bambini, bar e tavoli da ping-pong, un campo di beach volley e ottimo relax grazie ad un esclusivo sistema di micro-nebulizzazione di acqua arricchita da oli essenziali per una completa esperienza di aromaterapia. Questa nuova area è al posto della zona piscina degli anni scorsi, che in effetti era una cosa un po’ palustre. L’orario d’apertura è 10 – 1 di notte, con copertura wireless wi-fi gratuita.

A Venezia la spiaggia di Jesolo apre le porte ai naturisti. Non solo tra sdraio e ombrelloni, ma anche nel centro della città. La nota località marittima veneta, infatti, apre il suo acquario agli amanti del nudo integrale, che potranno immergersi in libertà e nuotare tra gli squali toro. L’iniziativa ha messo in calendario anche un “Naturist Day”, alla faccia delle recenti polemiche che hanno interessato la Laguna del Mort, spiaggia nudista inaugurata a inizio giugno proprio a Jesolo.

La data della giornata pro-nudisti sarà concordata con l’Anaa (Associazione Naturista Alto Adige), con cui il Comune ha siglato una convenzione per la gestione dei 400 metri della spiaggia del Mort. Alla mostra potranno accedere solamente i naturisti, che avranno la possibilità di fare un’immersione nella vasca con gli squali toro. Gli adamitici natanti non correranno alcun rischio: saranno assistiti da Riccardo Sturla, uno dei più importanti esperti di squali a livello internazionale.

A Firenze sul fiume Arno all’altezza di Piazza Poggi si può giocare a beach volley o meditare in posizione yoga sulla calda sabbia dorata. La spiaggia offre la possibilità di abbronzarsi, rinfrescarsi sotto i getti d’acqua stando sdraiati su comodi lettini e sorseggiando una bibita. Ricorda però: l’Arno non è balneabile.

Altra bella spiaggia è quella del Lago di Bilancino, in Mugello, attrezzata con due stabilimenti balneari. Attualmente il lago artificiale occupa una superficie di circa cinque chilometri quadrati e la sua profondità massima è di trentuno metri. Aperto al pubblico e alla balneazione dal 1999 ha due spiagge attrezzate, comprende l’Oasi Naturalistica di Gabbianello gestita dal WWF e molte aree in cui è possibile praticare trekking e mountain bike, oltre alle aree per gli sport acquatici come canoa, kayak, windsurf e vela. Sul lago c’è infatti anche un Circolo Velico per la navigazione a vela e il wind surf.

Si può praticabile anche la pesca sportiva: nel lago è possibile pescare carpe, cavedani, persici e lucci. Si può pescare da barche a remi o con motori elettrici, a fondo o dalla riva. E’ possibile anche soggiornare nella zona del lago in camper, grazie alla nuova area attrezzata, controllata dalla Protezione Civile.

Un’altra spiaggia si trova invece nel Parco dei Renai, nel comune di Signa, vicino all’Arno e collegata a Firenze, oltre che dal treno, da una bella pista ciclabile. Anche qui una spiaggia attrezzata permette la balneazione.

Settanta ettari di laghi, isolette, piste ciclabili, attrezzature sportive e strutture per il bird-watching e l’osservazione del mondo naturale. Solarium di circa 500 metri, realizzato accanto alla piscina, su un bel prato all’inglese e con vista panoramica sulla riserva integrale WWF. Spogliatoi con acqua calda, docce e infermeria. Parcheggio interno a pagamento (feriali 1€ – sabato e festivi 2€).

Gli orari del Parco dei Renai sono: 12-20 feriali e 9-20 festivi.

A Parigi fino al 21 agosto 2011 sul Quai de la Seine e in Voie Georges Pompidou sotto gli affascinanti giardini delle Tuileries spunta Paris Plage, 1.400 tonnellate di sabbia e 350 sdraio assicurano il massimo del relax. Se amate leggere a disposizione oltre 6.000 titoli della libreria itinerante.

A Berlino c’è invece l’Oststrand sul fiume Sprea. Una distesa di sabbia dorata e palme, poco lontano dal centro dello shopping e dall’Est side gallery, il chilometro del celebre muro dipinto dagli artisti. Bellissimo anche al BundesPresse nel cuore del quartiere amministrativo, appena fuori dall’ufficio stampa del Governo federale. Mentre ammiri il tramonto, circondata da palme, puoi sorseggiare un cocktail ghiacciato.

Ad Amstedam nella Rooftop beach all’ultimo piano del centro Nemo, troverai un’atmosfera da spiaggia mediterranea tra ulivi e limoni. La splendida città olandese non vuole farsi mancare nulla e così, in vista dell’estate, ha inaugurato la nuova spiaggia cittadina di 2000 mq. Lo Strandzuid si anima di sabbia e attrazioni, sdraio e campetti da beach volley, spazi per i più piccoli e area lounge in cui bere, chiacchierare, rilassarsi. Con tanto di musica e falò, le spiagge urbane olandesi (attive da giugno a settembre) non hanno nulla da invidiare a quelle tradizionali. La Strand west la spiaggia più grande della città, può essere coperta in caso di pioggia. Così, mentre infuria il temporale, puoi rimanere sdraiata nel tuo lettino a leggere un bel libro.

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.